21 Giugno 2021

OSAPPOGGI.it

NEWS FORZE DI POLIZIA E FORZE ARMATE

ECCO COS’E’ IL DDL ZAN QUI IL TESTO DEL DISEGNO DI LEGGE

{"uid":"11907D14-3012-4025-BB1A-DBD8CCE0665D_1617874061475","source":"other","origin":"gallery"}

Il Disegno di Legge di cui tutti parlano: ddl Zan dal nome del suo relatore, Alessandro Zan. Il testo e i punti fondamentali di questa importantissima Legge.

Ddl Zan cos’è

Il Ddl Zan, ribattezzato anche “Legge Zan” – dal cognome del suo relatore, il deputato del Pd Alessandro Zan esponente della comunità LGBT italiana –  è una normativa contro discriminazioni e violenze per orientamento sessuale, genere e identità di genere, approvato dalla Camera dei deputati il 4 novembre 2020.

Ddl Zan cosa prevede

Approvato dalla Camera dei deputati il 4 novembre 2020, il ddl Zen prevede:

Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità.

L’Art.1 del Disegno di legge chiarisce le definizioni dei termini:

  • per sesso si intende il sesso biolo­ gico o anagrafico;
  • per genere si intende qualunque ma­nifestazione esteriore di una persona che sia conforme o contrastante con le aspettative sociali connesse al sesso;
  • per orientamento sessuale si intende l’attrazione sessuale o affettiva nei confronti di persone di sesso opposto, dello stesso sesso, o di entrambi i sessi;
  • per identità di genere si intende l’i­dentificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corri­spondente al sesso, indipendentemente dal­l’aver concluso un percorso di transizione.

Attualmente in Italia abbiamo la Legge Mancino che condanna gesti, azioni e slogan legati all’ideologia nazifascista, aventi per scopo l’incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali. Punito anche l’utilizzo di simbologie legate a tali movimenti politici.

Con la Legge Zan verrebbero puniti anche i reati fondati sulle discriminazioni di identità di genere e orientamento sessuale. In Italia, a differenza di altri Paesi, non esiste una legge ad hoc che punisca le discriminazioni contro persone LGBTQ.

Il provvedimento prevede

  • multe fino a 6.000 euro e il carcere fino a 4 anni;
  • istituzione il 17 maggio della Giornata Nazionale Contro l’Omofobia;
  • stanziamento di 4 milioni di euro l’anno per supporto centri dedicati alle vittime di reati di odio e discriminazione e in generale per iniziative di contrasto al fenomeno.

 

Fonte: teamworld.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: