• 11 Aprile 2021 22:01

Carcere e querele bavaglio, la FNSI incontra il sottosegretario Sisto: «Riprendere l’iter delle riforme»

DiRedazione OSAPPoggi

Mar 23, 2021

L’esponente di governo ha assicurato che è volontà dell’esecutivo giungere a soluzioni che vadano nella direzione indicata dalla Consulta e tutelare il diritto di cronaca. «Sarebbe un segnale di civiltà, che consentirebbe all’Italia di riallinearsi alle altre democrazie occidentali», commentano il segretario generale Lorusso e il presidente Giulietti.

Il segretario generale e il presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, sono stati ricevuti oggi dal sottosegretario alla Giustizia, Francesco Paolo Sisto. Nel corso dell’incontro i rappresentanti della Fnsi hanno auspicato che possa riprendere presto, anche con l’impulso del governo, l’iter parlamentare delle norme per l’abrogazione del carcere per i giornalisti e il contrasto delle querele bavaglio. Sull’abrogazione della pena detentiva prevista dal codice penale per il reato di diffamazione a mezzo stampa, in particolare, il parlamento è chiamato ad esprimersi entro il prossimo mese di giugno, così come stabilito da un’ordinanza della Corte Costituzionale del giugno 2020. Il sottosegretario Sisto ha assicurato che è volontà del governo giungere a soluzioni che vadano nella direzione indicata dalla Consulta e tutelare il diritto di cronaca.

«Ringraziamo il sottosegretario Sisto per l’attenzione e la disponibilità – commentano Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti –. Cancellare il carcere per i giornalisti, nel solco indicato dalla Corte Costituzionale, sarebbe un segnale di civiltà, che consentirebbe all’Italia di riallinearsi alle altre democrazie occidentali. La presenza della pena detentiva nell’ordinamento italiano e il fenomeno delle querele temerarie rappresentano inaccettabili bavagli alla libertà di stampa e al diritto di cronaca perché indeboliscono il diritto-dovere dei giornalisti di informare e il diritto dei cittadini ad essere informati. Un’informazione libera e senza condizionamenti è il presupposto essenziale per una democrazia matura».

 

 

Fonte: fsni.it

 

Lascia un commento