18 Gennaio 2022

OSAPPOGGI.it

NEWS FORZE DI POLIZIA E FORZE ARMATE

Salute mentale sovraffollamento, Cartabia lancia l’allarme carceri

INTERNI CARCERE SAN VITTORE STRUTTURA DETENTIVA CELLE SBARRE

Le situazioni esplosive dietro le sbarre e quelle caotiche nelle aule dei tribunali sollecitano una riforma totale della giustizia. Una necessità richiesta anche dall’Unione Europea, in vista dei fondi del Pnrr-Piano nazionale di ripresa e resilienza da assegnare all’Italia. Lo ha sottolineato anche il ministro della Giustizia, Marta Cartabia, nel suo intervento alla cerimonia per i 204 anni della fondazione della Polizia penitenziaria: «Il Recovery plan ci offre l’occasione di agire su vari fronti. Senza scelte adeguate sul vostro organico, sulla formazione del personale, sulle vostre dotazioni materiali, informatiche, sugli spazi e sulle strutture non ci può essere una realtà carceraria degna di un Paese moderno».

Per il Guardasigilli, quindi, ci sono «due priorità da affrontare tra i tanti, tantissimi, problemi che affliggono i nostri istituti di detenzione: il problema della salute psichica e il problema del sovraffollamento, che torna a destare grave preoccupazione». Situazioni che si portano appresso un altro fenomeno seguito con «crescente preoccupazione, quello delle aggressioni agli agenti: 397 episodi in sei mesi del 2021 sono cifre altissime, come lo sono le 837 avvenute nell’intero 2020. Nessuna violenza – ha sostenuto Cartabia – può mai trovare giustificazione, né tolleranza. Ogni violenza dovrà sempre essere condannata, fermata e punita. E soprattutto, prevenuta».

Intanto, non riesce a decollare, nonostante le sollecitazioni dello stesso premier Draghi in chiave Recovery, l’iter delle tre riforme della giustizia ferme in Parlamento. In attesa proprio degli emendamenti del governo, a questo punto il rinvio a metà luglio dell’approdo in aula dei “nuovi” processi penale e civile diventa una realtà. Sulla riforma del Csm e dell’ordinamento giudiziario si presenta invece un nuovo nodo, visto che sono stati riammessi i tre emendamenti di Enrico Costa (Azione) sulla responsabilità civile dei magistrati.

In commissione Giustizia del Senato la sottosegretaria Anna Macina ha riferito ieri che la materia è ancora sotto la lente della Ragioneria generale dello Stato, anche se, ha assicurato, siamo «alle fasi finali». Quindi tra oggi e domani i testi dovrebbero arrivare. A quel punto, si darà una decina di giorni ai gruppi per i sub emendamenti, poi si inizierà a votare con l’obiettivo di un sì prima della chiusura estiva.

Alla Camera la riforma del processo penale è calendarizzata in aula per il 28 giugno, ma anche lì non sono ancora giunti gli emendamenti della ministra. Il capogruppo di Fi, Pierantonio Zanettin, si è detto «stupito per il ritardo». Il presidente della commissione Mario Perantoni (M5s) ha assicurato comunque che non si procederà «con la fretta», anche perché sul processo penale «il cantiere è aperto». In particolare la questione della prescrizione è tuttora irrisolta, con M5s assai perplesso sulle due soluzioni proposte dalla Commissione ministeriale.

 

 

 

Fonte: avvenire.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: