• 12 Aprile 2021 19:20

Haiti – Maxi evasione: 400 detenuti in fuga, uccisi boss e direttore carcere

DiRedazione OSAPPoggi

Feb 27, 2021

Le autorità haitiane hanno fatto sapere che più di 400 detenuti sono fuggiti e 25 persone sono morte in un’evasione dal carcere, la fuga più grande e mortale del Paese in un decennio. Tra i morti ci sono il direttore della prigione e un potente capo di una banda. L’evasione nel carcere di Croix-des-Bouquets secondo molti sarebbe stata organizzata per liberare il leader di gang Arnel Joseph, che era stato il fuggitivo più ricercato di Haiti fino al suo arresto del 2019 con accuse tra cui stupro, rapimento e omicidio. L’uomo stava guidando una motocicletta dopo la fuga, è stato avvistato a un checkpoint dove è morto in uno scontro a fuoco con la polizia. Governava Village de Dieu, baraccopoli nel centro di Port-au-Prince, e altre comunità, comprese alcune ad Artibonite. Le autorità non hanno ancora fornito molti dettagli sull’evasione, tranne per dire che 60 detenuti sono stati ripresi e le indagini sono in corso. Il segretario di Stato Frantz Exantus ha detto che le autorità hanno creato diverse commissioni per indagare su chi abbia organizzato la fuga e perché. Tra gli uccisi c’è anche il direttore della prigione, Paul Joseph Hector.

La prigione è nota per un’evasione nel 2014 in cui più di 300 degli 899 detenuti detenuti all’epoca fuggirono. Alcuni credevano che l’attacco fosse stato progettato per liberare Clifford Brandt, figlio di un importante uomo d’affari, che era stato imprigionato dal 2012 per aver presumibilmente rapito i figli adulti di un uomo d’affari rivale. Brandt fu catturato due giorni dopo vicino al confine con la Repubblica Dominicana.  Dopo la fuga nel 2014, i funzionari hanno affermato che stavano prendendo provvedimenti per aumentare la sicurezza nella prigione costruita nel 2012, inclusa l’installazione di telecamere di sicurezza e il posizionamento di monitor per caviglie sui prigionieri più pericolosi.Non è stato immediatamente chiaro se una di queste misure sia stata presa. Al momento dell’evasione di giovedì, la prigione conteneva 1.542 detenuti, quasi il doppio della sua capacità. La più grande evasione dalla prigione di Haiti nella storia recente si è verificata dopo il devastante terremoto del 2010 in cui più di 4.200 detenuti sono fuggiti dal famigerato penitenziario nazionale nel centro di Port-au-Prince. Il presidente Jovenel Moise ha twittato venerdì per condannare la recente evasione e ha chiesto alle persone di mantenere la calma. Ha aggiunto che la polizia nazionale di Haiti “è incaricata di prendere tutte le misure per portare la situazione sotto controllo”. Nel frattempo, Helen La Lime, rappresentante speciale di Haiti del Segretario generale delle Nazioni unite, ha dichiarato di essere profondamente preoccupata: “Incoraggio la polizia ad accelerare le indagini sulle circostanze che circondano questo incidente, raddoppiare i suoi sforzi per arrestare nuovamente i fuggitivi e rafforzare la sicurezza intorno alle carceri in tutto il Paese”.

 

 

Fonte: rainews.it

Lascia un commento