• 27 Febbraio 2021 04:34

Decreto Ristori: Manca la Polizia Penitenziaria

DiRedazione OSAPPoggi

Gen 20, 2021

“Il Paese sta vivendo uno dei momenti più duri e difficili della sua storia recente, nel vortice di questa pandemia ci sono famiglie, lavoratori, imprese, cittadini ai quali è nostro dovere continuare a dare risposte e portare aiuti concrete, rapidi ed efficaci”, è quanto sottolineato dal Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede dopo che il Governo ha ottenuto la fiducia sia dalla Camera che dal Senato. Un passo fondamentale – spiega ancora il ministro- che consentirà alla maggioranza di mettersi al lavoro sul nuovo Decreto Ristori.

E non tarda ad arrivare la risposta da parte dei candidati del concorso 2019 di Polizia Penitenziaria bandito lo scorso febbraio 2019: “Peccato che tra i piani del ministro non siano emersi interventi strutturali per il Corpo di Polizia Penitenziaria che da tempo soffre la carenza degli organici e per la quale noi chiediamo un ampliamento dei posti del nostro concorso per far fronte a questa delicata situazione. Sembra ormai chiaro che la Polizia Penitenziaria sia il Corpo che risulta maggiormente colpito dalla pandemia, con pochi uomini a disposizione a fronteggiare episodi di violenza, rivolte ed evasioni”. Ci auguriamo – spiegano ancora i ragazzi – che un intervento volto a fronteggiare l’emergenza nelle carceri venga inserito nel Decreto Ristori di cui ha parlato il Ministro Bonafede, magari con un emendamento che possa attuare lo scorrimento della nostra graduatoria al fine di potenziare gli organici”.

Bene gli interventi in favore delle imprese, dei cittadini, delle famiglie e dei lavoratori maggiormente colpiti dalla crisi economica ma, stando a quanto affermato dagli stessi candidati, il Ministro Bonafede dovrebbe pensare anche al “suo” Corpo che da tempo viene abbandonato.

 

 

 

 

Fonte: mediterranews.org

Lascia un commento