6 Ottobre 2022

OSAPPOGGI.it

NEWS FORZE DI POLIZIA E FORZE ARMATE

CARCERE TORINO VALLETTE: “SITUZIONE ESPLOSIVA, ALTRA AGGRESSIONE AL PERSONALE!”

Altri tre agenti di polizia penitenziaria sono stati aggrediti nella giornata di ieri, domenica 11 settembre 2022, nel carcere di Torino Vallette da un detenuto esagitato. Sono stati trasportati all’ospedale Maria Vittoria di Torino dove sono stati dimessi con prognosi comprese tra quattro e dieci giorni.

A comunicare l’accaduto, l’ennesimo nel penitenziario torinese è l’OSAPP(organizzazione sindacale autonoma Polizia Penitenziaria) seguita da altri sindacati di categoria che dichiarano:

“Il carcere di Torino è una polveriera. In poche settimane tantissimi episodi violenti, tra risse, aggressioni e incendi. Si è giunti al punto di non ritorno. Non passa giorno senza che si verifichino criticità tra incendi, risse e aggressioni nei confronti del Personale di Polizia Penitenziaria che subisce le invettive e le violenze gratuite dei delinquenti che spadroneggiano e che non vengono allontanati. Eppure è in vigore una disposizione del Dap che dispone l’immediato trasferimento in altri istituti degli autori delle intemperanze gratuite quasi sempre ad opera di detenuti stranieri e detenuti affetti da problemi psichiatrici”.

I sindacati accennano anche ad altri gravi episodi: “Verso la fine del mese di agosto un Assistente Capo Coordinatore è stato colpito al naso è dovrà sottoporsi ad intervento chirurgico. O ancora, detenuti evacuati sino a tarda notte nei passeggi perché altri soggetti avevano appiccato il fuoco nelle sezioni, una detenuta che ancora oggi fa da padrona presso la sezione Icam dove quotidianamente mette a repentaglio l’ordine e la sicurezza della sezione e nessuno sembrerebbe fare nulla… Quella del carcere di Torino, è una situazione che non ha precedenti, è esplosiva. Non possiamo che richiamare il rispetto di ciascuna figura operante all’interno del carcere e pretendere che l’amministrazione penitenziaria periferica e centrale  prendano formale consapevolezza di episodi che ormai rischiano di caratterizzare gli ambienti delle carceri italiane e, si adoperino con assoluta urgenza per la tutela di tutto il Personale penitenziario”.

I sindacati chiedono un incontro urgente al capo del Dap Carlo Renoldi e della ministra della giustizia Marta Cartabia affinché la situazione possa essere risolta.

 

 

 

Fonte: torinotoday.it

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: