1 Dicembre 2021

OSAPPOGGI.it

NEWS FORZE DI POLIZIA E FORZE ARMATE

CARCERE FROSINONE: PRIMA DI SPARARE IL DETENUTO E’ STATO PICCHIATO A SANGUE

Prima di aprire il fuoco con una pistola arrivata con un drone, direttamente in cella, Alessio Peluso fu picchiato. E per quel pestaggio ora 5 detenuti rischiano il processo. Intanto si indaga ancora per scoprire come sia entrata una semi automatica nella casa circondariale.

Tre giorni prima del tentato omicidio nel carcere di Frosinone, quando il 19 settembre 2021 Alessio Peluso, detto ‘O Niro, 29 anni, ras del quartiere nord di Miano a Napoli,  impugnando una pistola che gli era stata recapitata con un drone fece fuoco contro altri detenuti, c’era stato un pestaggio.

La vittima era stato proprio Peluso, che aveva così cercato subito di vendicarsi, e mentre prosegue l’inchiesta sull’arma fatta arrivare in cella con un drone, per appurare tutte le diverse responsabilità, gli inquirenti hanno chiuso le indagini preliminari su quell’aggressione che ha portato a un episodio che non ha precedenti negli ultimi 50 anni all’interno delle carceri italiane. Gli indagati sono cinque e per loro si profila la richiesta di rinvio a giudizio.

Per il pestaggio di Peluso sono indagati Genny Esposito, 32 anni, di Napoli, figlio di Luigi, boss del clan Licciardi, figura emergente tra i narcos romani, nella piazza di spaccio di San Basilio, e legato a Michele Senese, l’albanese Andrea Kercanaj, 44 anni, detto Sandro, da tempo residente a Frosinone, accusato di aver messo in piedi l’organizzazione che gestisce il traffico di droga tra le case popolari del capoluogo ciociaro, Marco Corona, 35 anni, di Napoli, esponente del clan Lo Russo, Mario Avolio, 55 anni, di Napoli, e l’albanese Blerim Sulejmani, di 37 anni, accusati di lesioni personali pluriaggravate e sequestro di persona.

Resta ora da scoprire chi sia riuscito a recapitare con un drone una Bernardelli semiautomatica, come siano state inviate le richieste all’esterno e cosa non abbia funzionato nel sistema di sicurezza della casa circondariale.

 

 

 

Fonte: roma.repubblica.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: