Evasione Campobasso: ennesima sospensione, ennesimo capro espiatorio dell'amministrazione penitenziaria
Home > BLOG

 

BLOG

Evasione Campobasso: ennesima sospensione, ennesimo capro espiatorio dell'amministrazione penitenziaria  

Autore: Leo Beneduci
01/02/2019


Siamo alle solite. Cambia il Governo, cambia il Ministro, cambia il Capo DAP, ma la storia è sempre la stessa: Poliziotti penitenziari senza mezzi, senza riconoscimenti, senza tutele o formazione adeguata, mandati in prima linea a fronteggiare la rabbia e la frustrazione di quelli che la società ha espulso dalla vita quotidiana.

Se non succedono tragedie, omicidi, suicidi, evasioni e al massimo i Poliziotti rischiano “solo” qualche frattura o ustione o tubercolosi, allora è tutto normale. Qualche pacca sulla spalla, qualche momento di “porte aperte” a via Arenula, qualche parolina di incoraggiamento sui social e via … continuiamo così che la Legislatura “è un mozzico”.

Ma se tra le migliaia di eventi che accadono ogni giorno (traduzioni, colloqui, notti, visite sanitarie…) succede qualcosa che sia riconducibile ad un Poliziotto penitenziario e che possa scalfire la “reputazione” del Governo, del Ministro, del Capo DAP, allora apriti cielo! Intollerabile. Urgente. Severità ed efficienza.

E voi sareste il Governo del cambiamento?

Le questioni più importanti sono tutte lì dove le aveva lasciate il precedente Governo. Lotta alla criminalità organizzata, edilizia penitenziaria, carenza di personale, formazione del personale, celle aperte e vigilanza dinamica.

Di cambiamento, dopo più di sei mesi, non se n’è visto nemmeno l’ombra. Nemmeno le “segreterie particolari” siete riusciti a cambiare, nemmeno i dirigenti generali “scaduti” siete riusciti a sostituire, nemmeno quel collega Poliziotto che ha commesso un errore in preda a chi sa quale frustrazione siete riusciti a tutelare.

E allora si sospende, e basta, e passa la paura… la vostra. Oppure si mandano gli atti in Procura che così nessuno potrà accusarvi di non avere fatto nulla e siete ancora più coperti di prima.

Forse qualcuno dovrebbe avvertirvi che così i problemi non si risolvono e spesso si amplificano, ma tanto non cambia niente, oggi ci siete e domani chissà ed è solo la Polizia Penitenziaria ad esserci sempre, ieri, oggi e domani.

Onori al Corpo di Polizia Penitenziaria e a tutti quei Poliziotti che ad ogni turno si recano al lavoro mantenendo fede al giuramento alla Costituzione, rappresentando lo Stato nonostante quei quattro stracci logori che riusciamo a far sembrare un’uniforme!

Collega sospeso da Basentini: saltare di palo in frasca tra decreto, sospensione, Legge, consiglio di disciplina, Capo DAP



I Vostri commenti
Commenti dei lettori

n. 0


Siamo alle solite non cambia nulla il governo del cambiamento non esiste e solo fuffa per i creduloni niente cambiamento, niente grandi opere, niente di niente la continuita e la loro falsa storia. Poi invece di tendere la mano alla polizia penitenziaria la si affossa sempre di piu stessi vertici, niente divise niente scarpe niente mezzi solo indifferenza .

Di  salvatore  (inviato il 03/02/2019 @ 10:20:45)


n. -1


Grandi. Esattamente.

Di  Anonimo  (inviato il 02/02/2019 @ 16:23:49)


n. -2


Sono d’accordo con il signor Beneduci👍

Di  Michele Clemente  (inviato il 02/02/2019 @ 09:02:11)


n. -3


20 anni di chiacchiere!!

Di  Mario Fichele  (inviato il 01/02/2019 @ 21:11:32)




Commenti dei lettori  INVIA IL TUO COMMENTO

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

Il seguente campo NON deve essere compilato.


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Tuo IP: 3.80.38.5